La xylella sale al Nord di 20 km

Il Comitato Ue per la salute delle piante ha approvato la proposta della Commissione europea di estendere l’attuale area di quarantena per la xylella in Puglia di circa 20 chilometri verso il Nord della regione, arrivando fino a Monopoli.
Per la prima volta sarebbe così intaccata anche la provincia di Bari, vero cuore produttivo dell’olio extravergine d’oliva italiano. La notizia è arrivata proprio mentre a Bari era in corso una seduta del Consiglio regionale pugliese sull’emergenza xylella. «Se qualcuno pensa che la Puglia si arrenderà alla xylella si è sbagliato. Siamo in partita, siamo in grado, se il Governo nazionale ci darà il decreto, di procedere all’abbattimento degli alberi senza ritardo, di farlo mentre spiegheremo all’Unione Europea che questo provvedimento di oggi sull’estensione dell’attuale area di quarantena per la xylella in Puglia è completamente sbagliato» ha detto il presidente della Regione Michele Emiliano.
Solo pochi giorni prima, peraltro, la Commissione europea aveva deferito l’Italia in Corte di giustizia Ue per non aver pienamente applicato tutte le misure necessarie per fermare l’avanzata del batterio.

Tratto dall’articolo pubblicato su L’Informatore Agrario n. 20/2018 a pag. 9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *